jueves, 10 de marzo de 2011

Alcalá de Henares, España

Donne di Sabbia - Palazzo Vecchio, Florencia, Italia

Donne di sabbia


Testimonianze di donne di Ciudad Juarez. Un gruppo di donne messicane, coordinate da Monica Livoni Larco, in scena per documentare la strage di donne messicane (sono più di 900 le donne assassinate e più di 1000 quelle scomparse a Ciudad Juarez e Chihuahua dal 1993), che tuttora continua nel silenzio dell’opinione pubblica. Lo spettacolo ha il patrocinio di Amnesty International.

Donne di Sabbia è uno spettacolo/testimonianza/denuncia sul femminicidio di Ciudad Juarez creato e messo in scena con lo scopo di divulgare la terribile realtà che si verifica da oramai 16 anni in questa zona di frontiera.

L’opera del drammaturgo e regista teatrale Humberto Robles, viene redatta in lingua spagnola e presentata in Messico, Cile, Argentina. Il testo nasce da una raccolta di testimonianze dirette dei parenti delle vittime che vengono riprodotte in scena attraverso un’alternanza di voci, di denunce e di sofferenze.

Dal 2006 lo spettacolo viene rappresentato anche in Italia, a Torino diventando un modo concreto di sensibilizzare il pubblico verso un fenomeno ancora così poco conosciuto, il cui nemico peggiore è il silenzio.

Il gruppo teatrale non percepisce alcun guadagno ma offre il proprio spettacolo con la sola intenzione di diffondere al maggior numero di persone il terribile fenomeno femminicidio. Rappresentare lo spettacolo senza fini di lucro è un imperativo morale che “Donne di Sabbia” si è imposto: ogni eventuale guadagno verrà devoluto all’associazione “Nuestras Hijas de Regreso a casa”, organizzazione messicana dei parenti delle vittime che lotta contro l’impunità e che dà un sostegno concreto agli ordini del femminicidio.

A TORINO:

Sabato 5 marzo alle ore 17,00 presso il Museo Nazionale del Cinema, via Montebello 20, prenderà il via l’iniziativa alla presenza di Marisela Ortiz. L’artista Laura Fusco realizzerà, ai piedi della Mole Antonelliana, l’installazione artistica Ciudad Juárez Veglia, una scena corale con la partecipazione di numerose donne.

A seguire la Mole Antonelliana sarà illuminata di rosa in contemporanea con l’illuminazione di importanti monumenti di Bologna, Ferrara, Firenze, Genova e altre città aderenti.

Per facilitare la riuscita della action è richiesta alle partecipanti conferma dell’adesione inviando entro il 2 marzo mail al seguente indirizzo: din.torino@gmail.com

Salvagente – Libera Internazionale invita a festeggiare la festa della donna, martedì 8 marzo dalle ore 21,00 al Cecchi Point, in via Cecchi 21/a Torino, in collaborazione con l’associazione culturale Largabanda.

Sarà una serata di performances musicali e teatrali e tanti interventi al femminile: MariaJosé Fava, presidente di Libera Piemonte, Marisela Ortiz da Ciudad Juárez e tante altre amiche impegnate sul fronte dei Diritti Umani.

Domenica 13 marzo, dalle 19,00 alle 23,00 al Teatro Vittoria – via Gramsci 4 , evento di Musica e Parole a cura delle Associazioni: Associazione Argentino Italiana Piemonte, Amnesty International Circ. Piemonte e Valle d’Aosta, SUR Società Umane Resistenti, Donne di Sabbia, Donne in Nero della Casa delle Donne di Torino, Casa delle Donne di Torino, Salvagente-Libera Internazionale, Antropocosmos, Urzene poesie in azione.

Iniziative del comune di Torino e di altri comuni per Ciudad Juarez